Storia e architettura

Cronologia canonica

Il 4 ottobre 1961, festa di s. Petronio, viene eretta canonicamente la parrocchia di S. Giovanni Bosco. Il 26 novembre 1961 inizia il ministero pastorale di d. Guido Zanoni con la celebrazione dell’Eucaristia nel garage di casa Macciantelli in via Massa Carrara. Viene avviata anche la costruzione del primo stabile destinato ad abitazione della comunità salesiana e oratorio, oggi sede della scuola materna. I lavori di questo primo lotto terminano nell’autunno del 1963. Il 14 aprile del 1963, festa di Pasqua, d. Gavinelli celebra la prima S. Messa nel salone della nuova costruzione. Il 23 novembre del 1963 vi si insedia la prima comunità salesiana. L’8 dicembre, con decreto arcivescovile del cardinale Giacomo Lercaro, la parrocchia viene affidata ufficialmente ai Salesiani: primo parroco viene nominato d. Guido Zanoni, che è insediato il 4 aprile 1964. Lo stesso giorno a Roma il Papa Paolo VI benedice la prima pietra della erigenda nuova chiesa. La stessa viene posata in 23 maggio dall’ arcivescovo. Il 17 marzo 1968 l’Arcivescovo di Bologna, monsignor Antonio Poma, si reca in visita pastorale nella parrocchia S. G. Bosco, il 2 febbraio 1969 benedice la nuova chiesa e la consacra il 12 aprile dello stesso anno.
Salesianamente la nostra comunità ha mosso i primi passi come oratorio di ragazzi che si ritrovano in un prato insieme ad alcuni salesiani. Cammin facendo si è arricchita delle necessarie strutture pastorali ed educative fino all’attuale sviluppo: chiesa, casa della comunità salesiana e uffici parrocchiali, scuola materna, oratorio e palestra.

Il plesso

Il primo edificio ad essere eretto, negli anni 1961-1963, fu l’abitazione della comunità salesiana ed oratorio, attuale sede della scuola materna “Maria Ausiliatrice” (nella foto qui sotto è l’edificio bianco).
La chiesa, progettata dall’architetto Giuseppe Vaccaro, è stata costruita, insieme allo stabile degli uffici parrocchiali, negli anni 1964-1968.

Nella chiesa trovano degna collocazione il Crocefisso in bronzo di Luciano Minguzzi, il tabernacolo, la croce astile e le suppellettili di fra Costantino da Pavia (del Beato Angelico di Milano), gli stendardi della canonizzazione di d. Bosco del Crida e la via crucis lignea di Luigi Riva s.d.B. Oggi anche due quadri del seicento bolognese (di Sirani e di Faccini) con ancone del settecento, un crocifisso del settecento, una Maria Ausiliatrice in legno di Riva e, dal 1992, ospita un grande organo costruito nel 1951 della ditta Tamburini su progetto dal M.o Fernando Germani, in origine collocato nell’auditorium Pium a Roma e donato alla nostra parrocchia da S. S. Giovanni Paolo II in occasione del centenario della morte di San Giovanni Bosco, nel 1988.

La direzione

Dal 1963 fino al 1971 fu parroco don Guido Zanoni

Dal 1971 fino al 1978 fu parroco don Luigi Bosoni

Dal 1978 fino al 1988 fu parroco don Ferdinando Colombo

Dal 1988 fino al 1997 fu parroco don Mario Moriggi

Dal 1997 fino all’ottobre 2006 fu parroco don Roberto Colosio

Dal 2006 fino al 2016 fu parroco don Luigi Spada

Dal 2016 è parroco don Riccardo Respini